app per scaricare musica gratis android

app per scaricare musica gratis android

Vorresti aggiungere delle canzoni alla libreria musicale del tuo smartphone ma non ti va di collegare il telefono al PC?
Beh, ma chi ti ha detto che devi farlo?
Se hai uno smartphone Android, puoi installare delle app gratuite dal Google Play Store (e non solo dal Google Play Store) e scaricare canzoni gratis direttamente sulla memoria del tuo smartphone.
Non ci credi?
Allora prenditi cinque minuti di tempo libero e prova le applicazioni che sto per consigliarti.

Di seguito c’è una lista con le migliori app per scaricare musica gratis Android disponibili attualmente sul mercato:
consultala e scoprirai tantissime soluzioni in grado di attingere file audio da tutti i principali servizi di file hosting.
Inoltre troverai delle fantastiche app dedicate al mondo della musica free, grazie alle quali scoprire nuove band e nuovi artisti emergenti che hanno deciso di diffondere la propria musica gratuitamente sul Web.
Insomma:
qualunque siano i tuoi gusti e le tue esigenze in ambito musicale, sta sicuro che riuscirai a trovare quello che fa per te.
Coraggio, non perdere altro tempo e mettiti subito all’opera:
trovi tutto quello di cui hai bisogno proprio qui sotto!

Attenzione: scaricare abusivamente della musica protetta da copyright è illegale.
Questo tutorial è stato scritto a puro scopo illustrativo, non è mia intenzione incentivare la pirateria e pertanto non mi assumo alcuna responsabilità su come verranno utilizzate le informazioni presenti in esso.

TinyTunes

La prima app per scaricare musica gratis Android che ti consiglio di provare è TinyTunes, la quale sfrutta i database di vari servizi di file hosting e social network per trovare brani di ogni genere.
È estremamente facile da usare, ma purtroppo non è distribuita ufficialmente tramite il Google Play Store.
Se vuoi installarla sul tuo device, devi disattivare momentaneamente la protezione contro le app provenienti da origini sconosciuti (quindi da fonti diverse rispetto al Play Store), devi scaricare il suo pacchetto d’installazione e devi installare quest’ultimo in maniera “manuale”.
Andiamo con ordine.

Il primo passo che devi compiere è recarti nelle Impostazioni di Android (l’icona dell’ingranaggio) e selezionare la voce Sicurezza dalla schermata che si apre.
Dopodiché devi attivare la levetta relativa alle Origini sconosciute e devi premere sul pulsante OK per confermare la disattivazione della protezione contro le app provenienti da origini sconosciute.

IMMAGINE QUI 1

A questo punto, apri il browser che utilizzi usualmente per navigare in Internet con il tuo smartphone (es.
Chrome), collegati al sito Internet exigocs.com e premi sul pulsante Install collocato sotto l’icona di TinyTunes per avviare il download del pacchetto d’installazione dell’applicazione.
Se ti viene chiesto con quale app intendi completare il download, scegli il browser che stai utilizzando attualmente (es.
Chrome) e premi sul pulsante OK che compare in basso a destra per confermare lo scaricamento del pacchetto apk con i file d’installazione di TinyTunes.

Al termine del download, apri l’applicazione Download di Android oppure utilizza un file manager per aprire la cartella Download del tuo device e apri il file TinyTunes_xx.apk.
Nella schermata che si apre, premi sui pulsanti AvantiInstalla e Fine e l’installazione di TinyTunes verrà portata a termine entro pochi istanti.
Al termine della procedura, puoi tornare nelle impostazioni di Android e riattivare la protezione contro le app che non provengono dal Play Store.

IMMAGINE QUI 2

Adesso viene la parte più semplice:
scaricare la musica con TinyTunes.
Avvia dunque l’applicazione, premi sull’icona della lente d’ingrandimento collocata in alto a destra e cerca il brano di tuo interesse.

Al termine della ricerca, seleziona i brani che vuoi scaricare sullo smartphone, premi sull’icona della freccia collocata in alto a destra e questi verranno scaricati istantaneamente nella cartella /home/tinytunes/song/ del device.

IMMAGINE QUI 3

Per ascoltare i brani scaricati con TinyTunes, puoi recarti nella succitata cartella oppure puoi selezionare la scheda Libreria dell’applicazione.

Zedge

Ti piacerebbe scaricare una canzone e trasformarla in una suoneria per il tuo smartphone?
E allora perché non scaricare direttamente una suoneria pronta all’uso?! Installando l’applicazione gratuita Zedge avrai a tua disposizione centinaia di suonerie tratte da brani e colonne sonore famose da impostare subito come suoneria del tuo telefono.

Zedge non richiede alcuna registrazione ed è estremamente semplice da usare.
Dopo averla installata dal Google Play Store, non devi far altro che avviarla, premere sul pulsante che si trova in alto a sinistra e selezionare la voce Ringtones dalla barra che compare di lato.

Adesso dovresti essere al cospetto della lista delle suonerie disponibili nell’applicazione.
Per sfogliarle tutte, utilizza le schede situate in alto (Popular per visualizzare quelle più popolari, Recent per visualizzare quelle più recenti e così via).
Per scaricarle, invece, selezionale e pigia sull’icona della freccia presente nella schermata che si apre.

IMMAGINE QUI 4

Al termine del download potrai scegliere se impostare la suoneria appena scaricata come suoneria predefinita sul tuo smartphone (Ringtone), suono di notifica (Notification), suoneria personalizzato per un contatto della rubrica (Contact) o sveglia (Alarm).

Jamendo Music

Sei un appassionato di musica indipendente?
Ti piace scoprire continuamente nuovi artisti e nuove band?
Allora credo che dovresti proprio installare la app di Jamendo Music.

Qualora non ne avessi mai sentito parlare, Jamendo è un famosissimo sito Internet che ospita i brani e gli album di tantissimi artisti che hanno deciso di distribuire la propria musica gratuitamente su Internet.
La maggior parte delle opere disponibili sul servizio è stata rilasciata sotto licenza Creative Commons, il che significa che può essere riutilizzata in qualsiasi progetto personale, mentre per i progetti commerciali esiste un servizio apposito – Jameno Licensing – che prevede il pagamento di un piccolo canone mensile.

Chiarito ciò, se sei interessato a scaricare musica da Jamendo, non devi far altro che avviare la app e sfogliare tutti i contenuti proposti in primo piano nella schermata iniziale della app:
la top 10, le radio più ascoltate, le community con i generi musicali più popolari e così via.
Pigiando sull’icona della lente d’ingrandimento, poi, puoi cercare brani e artisti direttamente oppure puoi consultare le pagine con le community dedicate ai vari generi musicali.

Una volta individuato un brano di tuo interesse, per scaricarlo offline, non devi far altro che premere sulla freccia collocata di fronte al suo titolo e confermare il download facendo “tap” sul pulsante Download gratuito per usi personali qualità MP3.

IMMAGINE QUI 5

Le canzoni scaricate da Jamendo vengono archiviate nella cartella dei download di Android, come qualsiasi altro file scaricato da Internet.

Free Music Archive

Free Music Archive è un altro sito sul quale è possibile trovare musica “free” da ascoltare e scaricare legalmente a costo zero.
Nel suo database sono presenti centinaia di album che non sono più protetti da copyright o i cui autori hanno autorizzato la distribuzione gratuita su Internet.

Per utilizzare Free Music Archive, non devi far altro che avviare la app del servizio sul tuo smartphone o sul tuo tablet, selezionare un genere musicale, poi un album e un brano da scaricare.
Quando ti viene chiesto con quale app intendi riprodurre il file, scegli il tuo player audio preferito e il gioco è fatto.

IMMAGINE QUI 6

Get Cloud

SoundCloud è un portale utilizzato da migliaia di cantanti, deejay e musicisti che permette di condividere la musica facilmente.
Tutti i brani ospitati dal servizio si possono ascoltare gratuitamente in streaming.
Alcuni di essi si possono perfino scaricare offline a costo zero, ma non da smartphone.

Utilizzando la app ufficiale di SoundCloud per Android, infatti, non è possibile scaricare le canzoni che invece si possono scaricare tramite la versione desktop del servizio.
E qui entra in gioco Get Cloud.

Get Cloud è una semplicissima app per Android che permette di scaricare i brani da SoundCloud semplicemente cercandoli e premendo prima sui loro titoli e poi sull’icona della freccia presente nella schermata che si apre.

IMMAGINE QUI 7

I brani scaricati dalla app possono essere riprodotti direttamente in quest’ultima o navigando nella cartella Get Cloud del proprio device.

Servizi di streaming musicale

In conclusione, anche se non si tratta di soluzioni propriamente gratuite, mi sento di consigliarti vivamente l’utilizzo dei servizi di streaming musicale.

IMMAGINE QUI 8

Iscrivendoti a un servizio di streaming musicale, avrai la possibilità di ascoltare e scaricare qualsiasi tipo di brano, album o playlist pagando poco meno di 10€ al mese.
Il bello dei servizi di streaming è che funzionano su tutti i device (non solo smartphone, ma anche tablet, computer e altro), non hanno vincoli contrattuali (l’abbonamento si può disdire in qualsiasi momento) e permettono di scoprire nuova musica interessante in base ai propri ascolti precedenti.

Tra i migliori servizi di streaming musicale disponibili attualmente ci sono Spotify, Apple MusicGoogle Play MusicYouTube MusicAmazon Music che hanno tutti un costo mensile di 9,99€ per il piano singolo (o 14,99€/mese per il piano familiare utilizzabile da più utenti) e possono essere provati gratis per almeno 30 giorni.
Amazon Music, inoltre, consente il download gratuito di parte del suo catalogo agli utenti Amazon Prime.
Se vuoi saperne di più, leggi il mio tutorial su come ascoltare musica offline:
lì trovi spiegato tutto.

applicazioni per scaricare musica android

applicazioni per scaricare musica android

Stai cercando delle app per scaricare musica sul tuo smartphone?
Nessun problema, dimmi che sistema operativo utilizzi e cercherò di suggerirti alcune soluzioni in grado di incontrare le tue necessità.
Come dici?
Utilizzi un terminale Android?
Bene, allora ho delle ottime notizie da darti:
esistono tantissime applicazioni per scaricare musica Android, sia gratis che a pagamento, e tu hai solo l’imbarazzo della scelta!

Le applicazioni in questione appartengono a varie categorie:
ci sono i motori di ricerca MP3 che permettono di scaricare musica gratis attingendo ai database di vari servizi siti, servizi di hosting e social network; i servizi di streaming che in cambio di un piccolo canone mensile (generalmente pari a 9,99€) permettono di scaricare la musica offline; le app di musica “free” che permettono di scaricare gratis la musica prodotta da artisti emergenti e/o indipendenti e, infine, le app dedicate alle suonerie.
Coraggio, scegli l’applicazione che ti sembra più adatta alle tue esigenze (e ai tuoi gusti musicali) e utilizzala seguendo le indicazioni che sto per darti.
Ti assicuro che non te ne pentirai!

ATTENZIONE: scaricare abusivamente da Internet della musica protetta da copyright può essere un reato.
Questo tutorial è stato scritto a puro scopo illustrativo, non è assolutamente mia intenzione incentivare la pirateria e pertanto non mi assumo alcuna responsabilità circa l’uso che verrà fatto delle informazioni presenti in esso.

Indice

  • Operazioni preliminari
  • TinyTunes (gratis)
  • Fildo (gratis)
  • Jamendo Music (gratis)
  • Zedge (gratis)
  • Flud (gratis)
  • Servizi di streaming musicale (in abbonamento)
    • Spotify
    • Google Play Musica
    • Amazon Music
    • YouTube Music

Operazioni preliminari

IMMAGINE QUI 1

Alcune applicazioni per scaricare musica Android non sono presenti sul Play Store.
Questo significa che per utilizzarle devi procurarti il loro pacchetto apk e installarla “manualmente”.

Per poter installare una app “manualmente” devi attivare il supporto alle origini sconosciute, cioè alle applicazioni che non provengono dal Google Play Store nelle impostazioni di Android.
Pigia quindi sull’icona dell’ingranaggio che si trova nel menu iniziale del tuo device, vai su Sicurezza e attiva la levetta relativa all’opzione Origini sconosciute.
Rispondi in maniera affermativa all’avviso che compare sullo schermo.

Dopo aver installato le applicazioni che necessitano del supporto alle origini sconosciute, torna nelle impostazioni di Android e attiva nuovamente il blocco per le app che non provengono dal Play Store.
Una volta installate, infatti, le app che non provengono dal Play Store si possono utilizzare anche riattivando il blocco per le origini sconosciute.

TinyTunes (gratis)

Cominciamo con TinyTunes, un motore di ricerca MP3 che consente di scaricare musica da vari siti e servizi di hosting.
Purtroppo l’applicazione non è disponibile sul Play Store, quindi per installarla devi collegarti al suo sito Internet e scaricare “manualmente” un pacchetto apk.

Entrando più in dettaglio, quello che devi fare è aprire il browser che usi solitamente per navigare in Internet (es. Chrome), visitare il sito exigocs.com e premere sul pulsante Install che si trova sotto l’icona dell’applicazione, cioè la lente d’ingrandimento.
Se ti viene chiesto con quale app intendi effettuare il download, scegli il browser (es.
Chrome).
Se compare un avviso di sicurezza in basso, premi invece sul pulsante OK.

A download completato, apri l’applicazione Download di Android oppure utilizza un qualsiasi file manager (es. ES Gestore File) per recarti nella cartella Downloaddel tuo dispositivo e seleziona il file TinyTunes_xx.apk.
Nella schermata che si apre, premi sui pulsanti AvantiInstalla e Fine e il gioco è fatto.
Complimenti, hai appena installato TinyTunes!

IMMAGINE QUI 2

Scaricare una canzone con TinyTunes è semplicissimo.
Dopo aver avviato l’applicazione, non devi far altro che premere sull’icona della lente d’ingrandimento che si trova in alto a destra e cercare il brano che intendi scaricare.

Nella pagina con i risultati della ricerca, individua quindi le canzoni di tuo interesse, metti il segno di spunta accanto ai loro titoli e premi sull’icona della freccia collocata in alto a destra per avviarne il download.
Puoi seguire l’avanzamento dei download recandoti nella scheda Scaricamenti di TinyTunes.

IMMAGINE QUI 3

Una volta scaricati, i brani saranno archiviati tutti nella cartella /home/tinytunes/song/ del dispositivo e si potranno ascoltare tramite la scheda Libreria di TinyTunes.

Qualora ti interessasse, ti segnalo che nella schermata iniziale di TinyTunes puoi trovare anche delle classifiche con i brani più popolari su iTunes e Billboard:
un modo simpatico per scoprire la musica più in voga del momento.

Fildo (gratis)

Fildo è un’altra applicazione per scaricare musica su Android che funziona come un motore di ricerca.
Per scaricarla sul tuo dispositivo, apri il browser, collegati al sito fildo.net e premi sulla voce Download Last version che si trova in basso.
Se ti viene chiesto con quale applicazione intendi effettuare il download, scegli il tuo browser (es.
Chrome).
Quando compare l’avviso di sicurezza in basso, premi su OK.

A download completato, apri l’applicazione Download di Android oppure recati nella cartella dei download del tuo dispositivo usando un qualsiasi file manager (es. ES Gestore File).
Seleziona quindi il file fildo-xx.apk e installa Fildo su Android premendo prima sul pulsante Installa e poi su Fine.

IMMAGINE QUI 4

Per scaricare una canzone con Fildo, avvia l’applicazione, premi sul pulsante ?collocato in alto a sinistra e cerca il brano di tuo interesse utilizzando l’apposita barra di ricerca.
Dopodiché scegli la fonte dalla quale intendi scaricare la musica (es. NeteaseKogou o Playlists) e fai “tap” prima sulla canzone da scaricare e poi sul pulsante (…) collocato accanto al suo titolo e infine sulla voce Downloadpresente nel riquadro che si apre.

In alternativa, se preferisci, puoi recarti nella schermata iniziale di Fildo e sfogliare le classifiche con i brani, gli album e le playlist più popolari del momento.
Playlist e altri contenuti preselezionati sono disponibili anche nella barra laterale di sinistra, che compare premendo sul pulsante ?.

IMMAGINE QUI 5

Puoi seguire l’avanzamento dei tuoi download premendo sul pulsante ? di Fildo e selezionando la voce Coda di download dalla barra che compare di lato.
I brani vengono archiviati tutti nella cartella Download/FildoDownloads del dispositivo.

Jamendo Music (gratis)

Odi la musica che passano le radio?
Vai alla ricerca di band e artisti indipendenti che possano regalarti qualcosa di nuovo per i tuoi ascolti?
Allora installa Jamendo Music.
Qualora non ne avessi mai sentito parlare, Jamendo Music è la app ufficiale di Jamendo:
uno dei portali di riferimento per la musica “free”, nel quale band e artisti provenienti da ogni angolo del mondo caricano la loro musica per renderla disponibile a tutti.

Per sfogliare i brani e gli album disponibili su Jamendo, avvia la app Jamendo Music, premi sull’icona della lente d’ingrandimento collocata in alto a destra e seleziona una delle community o delle classifiche elencate nella schermata che si apre.
Le community e le classifiche sono suddivise per generi musicali, quindi dovresti riuscire a individuare le opere di tuo interesse piuttosto facilmente.

IMMAGINE QUI 6

Una volta trovato un brano da scaricare, seleziona la freccia collocata di fronte al suo titolo e fai “tap” sul pulsante Download gratuito per usi personali qualità MP3.
Per avviarne il download.

Alcuni brani disponibili su Jamendo sono rilasciati sotto licenza Creative Commons.
Questo significa che possono essere riutilizzati liberamente all’interno di progetti personali (con menzione degli autori facoltativa o obbligatoria a seconda delle condizioni d’uso di ogni specifico brano).
Se cerchi della musica da poter riutilizzare in progetti commerciali, rivolgiti a Jameno Licensing che propone tanta buona musica da riutilizzare anche per fini commerciali in cambio di un piccolo canone mensile.

Zedge (gratis)

Ti piacerebbe scaricare delle canzoni sul suo smartphone per trasformarle in suonerie?
Allora credo che tu possa trovare molto utile Zedge, una app che permette di scaricare suonerie gratis e di impostarle facilmente come suonerie predefinite, suonerie per i contatti, sveglie e suoni di notifica su Android.

Per scaricare una suoneria con Zedge, non devi far altro che avviare l’applicazione in questione sul tuo smartphone, premere sul pulsante ? che si trova in alto a sinistra e selezionare la voce Ringtones dalla barra che compare di lato.

IMMAGINE QUI 7

A questo punto, scegli se cercare una suoneria usando la lente d’ingrandimentocollocata in alto a destra o se sfogliare le varie categorie di suonerie disponibili in Zedge e premi sul titolo del brano di tuo interesse (puoi ascoltarne un’anteprima in tempo reale premendo sul pulsante ??.

Nella schermata che si apre, fai “tap” sull’icona della freccia collocata in basso a destra, attendi che il download della suoneria venga portato a termine e scegli se impostare il brano come suoneria predefinita (Ringtone), suono di notifica (Notification), suoneria personalizzata per un contatto specifico (Contact) o sveglia (Alarm).

Flud (gratis)

Molti album musicali ormi vengono distribuiti tramite la rete BitTorrent, quindi mi sembra opportuno parlarti anche di Flud:
un client BitTorrent per Android che permette di scaricare qualsiasi tipo di file da questo famosissimo network peer-to-peer senza utilizzare il computer.

IMMAGINE QUI 8

Per scaricare qualcosa con Flud, basta selezionare un file .torrent o un magnet link nel browser e selezionare Flud come applicazione con la quale aprire il file o il collegamento selezionato.

Tra i siti che permettono di scaricare musica gratis tramite la rete BitTorrent ti segnalo Archive.org, sul quale puoi trovare tantissimi album di pubblico dominio e registrazioni di concerti live, ma di siti Torrent ce ne sono davvero a bizzeffe (nel mio tutorial dedicato all’argomento te ne ho segnalati un bel po’).

Servizi di streaming musicale (in abbonamento)

servizi di streaming musicale rappresentano una soluzione pratica, semplice e soprattutto legale al download della musica da Internet.
In cambio di un piccolo canone mensile, che solitamente si aggira sui 10€, permettono di ascoltare tutta la musica che si vuole e di scaricarla in locale per ascoltarla offline.
Sono accessibili da una vasta gamma di dispositivi:
non solo smartphone, ma anche computer, tablet e device come console per videogiochi, Chromecast ecc.
Questo significa che permettono di mantenere la propria musica sincronizzata su tutti i dispositivi senza dover spostare “manualmente” i file da una postazione all’altra.

L’unico neo dei servizi di streaming è che non consentono di esportare in altre applicazioni i brani scaricati offline:
le canzoni archiviate in locale non sono dei semplici MP3.
Si tratta bensì di file musicali protetti da DRM che possono essere eseguiti solo all’interno delle app ufficiali dei servizi di streaming.

Spotify

IMMAGINE QUI 9

Chiariti questi piccoli concetti fondamentali, lascia che ti parli di Spotify:
uno dei migliori servizi di streaming presenti attualmente sul mercato.
Spotify dà accesso a un immenso catalogo di brani, album e playlist di tutte le principali major discografiche, come ad esempio Sony, EMI, Warner Music Group e Universal, più una serie altrettanto sterminata di contenuti realizzati da etichette per così dire minori.
Insomma, ci puoi trovare di tutto:
dai Queen a Gigi D’Alessio, dalle ultime hit radiofoniche ai brani, immortali, della musica classica.

La versione base di Spotify si può utilizzare gratuitamente ma contiene diverse limitazioni:
interrompe saltuariamente la riproduzione con messaggi pubblicitari, non permette di scaricare la musica offline e, su smartphone, limita l’ascolto alla modalità shuffle (cioè non permette all’utente di scegliere liberamente i brani da ascoltare).
Per rimuovere tutte queste limitazioni e attivare il download dei brani offline bisogna passare alla versione Premium del servizio che costa 9,99€/mese o 99€/anno dopo 1 mese di prova gratis (senza obbligo di rinnovo).
Esiste anche un piano famiglia di Spotify che per 14,99€/mese consente l’ascolto a un numero massimo di 6 utenti.
Se vuoi, iscrivendoti al sito Together Price puoi organizzarti con amici e parenti e dividere la spesa di un abbonamento famiglia pagando solo un sesto del prezzo mensile previsto dal piano di Spotify.

Una volta attivato l’abbonamento Premium a Spotify, per scaricare la musica sul tuo smartphone o sul tuo tablet Android, non devi far altro che avviare la app ufficiale del servizio, individuare un album o una playlist di tuo interesse e spostare su ON la levetta dell’opzione Download, che si trova in alto.
Per scaricare singoli brani, devi prima aggiungerli tutti alla tua libreria personale e poi attivare la funzione di download nella sezione La tua libreria > Brani della app.

Se hai qualche dubbio circa il funzionamento di Spotify e/o vuoi saperne di più su questo ottimo servizio di streaming, leggi i miei tutorial su come funziona Spotify e come scaricare canzoni da Spotify.

Google Play Musica

IMMAGINE QUI 10

Fra i servizi di streaming musicale va preso in considerazione anche Google Play Musica, che ha un catalogo abbastanza simile a quello di Spotify ma, come facilmente intuibile, si integra meglio nell’ecosistema Android, include uno store per acquistare i brani che non sono inclusi nel catalogo del servizio e permette di caricare le canzoni dal proprio computer (in realtà questo lo consente di fare anche Spotify, ma in maniera molto più macchinosa e inaffidabile).

Google Play Musica costa 9,99€/mese dopo 30 giorni di prova gratuita(senza obbligo di rinnovo) oppure 14,99€/mese se si sceglie di sottoscrivere il piano famiglia che dà accesso a un numero massimo di 6 utenti.
Anche l’abbonamento per la famiglia di Google Play Musica si può “dividere” grazie a soluzioni come Together Price.

Dopo aver effettuato l’iscrizione a Google Play Musica, per scaricare un album o una playlist in locale, basta selezionare la sua immagine di copertina e premere sull’icona della freccia presente accanto al suo titolo.

Amazon Music

IMMAGINE QUI 11

Amazon Music è la risposta di Amazon a Spotify.
Si tratta, infatti, di un servizio di musica in streaming che permette di accedere a un vastissimo catalogo di brani da ascoltare sia online che offline.

La sua offerta si suddivide in due:
Amazon Prime Music che permette a tutti gli abbonati ad Amazon Prime di ascoltare 2 milioni di brani a costo zero, senza interruzioni pubblicitarie ma con un limite di 40 ore di ascolto al mese, e Amazon Music Unlimited che, invece, per 9,99 euro/mese o 99 euro/anno permette di accedere a un catalogo composto da 50 milioni di brani senza limiti d’ascolto mensili.

Per scaricare un brano in Amazon Music, non devi far altro che individuarlo all’interno dell’app (previa accesso al tuo account Amazon), premere sull’icona ⋮ collocata accanto al suo titolo e selezionare la voce Scarica dal menu che si apre.
Successivamente, potrai trovarlo nella scheda Recenti > Scaricati.
Per scaricare album e playlist, invece, puoi usare il pulsante con la freccia verso il basso che si trova nelle schermate con le tracklist.

Se qualche passaggio non ti è chiaro e/o vuoi scoprire più da vicino come funziona Amazon Music Unlimited, consulta il mio tutorial dedicato al servizio.

YouTube Music

IMMAGINE QUI 12

YouTube Music è un’applicazione musicale (accessibile anche da PC, via Web) che permette di accedere all’immenso catalogo di YouTube e di ascoltarlo anche in background e in modalità offline.
Per usufruire di queste due interessantissime funzioni, però, occorre sottoscrivere un abbonamento pari a 9,99 euro/mese (o 14,99 euro/mese per il piano Famiglia, utilizzabile da 6 persone), dopo una prova iniziale gratuita di 3 mesi.

Una volta scaricata e installata l’app, basta effettuare l’accesso al proprio account Google, accettare la sottoscrizione dell’abbonamento a YouTube Music (che successivamente si può disattivare premendo sulla propria foto profilo e andando nella sezione dedicata agli abbonamenti a pagamento) e si può cominciare ad ascoltare e scaricare musica senza limiti.

Per scaricare una canzone (o anche un album o una playlist), basta premere sul pulsante ⋮ collocato accanto al suo titolo e scegliere la voce Scarica dal menu che si apre.
Successivamente, l’elemento scaricato viene reso disponibile nella sezione Raccolta dell’applicazione.
Se qualche passaggio non ti è chiaro e/o vuoi maggiori info su YouTube Music, consulta il mio tutorial dedicato al servizio.

scaricare musica gratis android

scaricare musica gratis android

Stai cercando una bella canzone da trasformare in suoneria per il tuo smartphone Android?
Sei stanco di ascoltare sempre le stesse canzoni mentre aspetti la metro ma non vuoi spendere soldi per ampliare le tue playlist?
Forse posso darti una mano.

Esistono diverse applicazioni che permettono di scaricare musica gratis Android per poi ascoltarla liberamente (nella app usata per scaricarla e/o in qualsiasi player adatto allo scopo) o impostare le canzoni scaricate come suoneria del telefono.
Che dici, ti va se te ne consiglio qualcuna? Ti assicuro che ne sono tantissime fra cui scegliere:
dai motori di ricerca per gli MP3 ai servizi di streaming musicale, senza dimenticare le app dedicate alle suonerie e quelle legate al mondo della musica free.
Buona lettura e buon divertimento!

ATTENZIONE: scaricare abusivamente da Internet della musica protetta da copyright è un reato.
Questa guida è stata scritta a puro scopo illustrativo, non è assolutamente mia intenzione incentivare la pirateria e pertanto non mi assumo alcuna responsabilità circa l’uso che verrà fatto delle informazioni presenti in essa.

Indice

  • TinyTunes
  • Google Play Music
  • YouTube Music
  • Zedge
  • Jamendo Music
  • Spotify
  • Amazon Music

TinyTunes

IMMAGINE QUI 1

TinyTunes è una delle app più famose per scaricare musica gratis Android.
Si tratta di un motore di ricerca per i file MP3 che attinge a vari database online per individuare, e quindi scaricare, brani musicali a costo zero.
Il suo funzionamento è estremamente intuitivo, ma non essendo distribuita sul Play Store necessita di un’installazione manuale tramite pacchetto apk.

Per scaricare TinyTunes sul tuo smartphone (o sul tuo tablet), collegati dunque al sito Internet exigocs.com e premi sul pulsante Install collocato sotto all’icona dell’applicazione.
Se ti viene chiesto con quale app scaricare il file APK, scegli il tuo browser (es. Chrome) e rispondi OK all’avviso che compare sullo schermo.

A download completato, avvia la app Download di Android oppure un file manager come ES Gestore File, apri il pacchetto apk di TinyTunes (TinyTunes_xx.apk) e installa l’applicazione sul tuo device premendo prima su Installa e poi su Apri.

IMMAGINE QUI 2

Se compare un messaggio d’errore, evidentemente non hai autorizzato l’esecuzione delle app provenienti da origini diverse dal Play Store sul tuo dispositivo.
Per risolvere questo problema, recati nel menu Impostazioni > Sicurezza di Android e imposta su ON la levetta relativa all’opzione Origini sconosciute.
Per applicare le modifiche, rispondi in maniera affermativa all’avviso che compare sullo schermo.
Ora dovresti poter installare TinyTunes senza problemi (al termine dell’installazione riattiva pure il blocco per le applicazioni che non provengono dal Play Store).

È finalmente giunto il momento di passare all’azione.
Avvia quindi TinyTunes tramite la sua icona che è comparsa nel menu principale di Android e cerca il brano che vuoi scaricare usando la barra di ricerca collocata in alto. Dopodiché individua i file di tuo interesse fra i risultati della ricerca, metti il segno di spunta accanto ai loro nomi e premi sull’icona della freccia collocata in alto a destra per avviarne il download.

A download completato, potrai ascoltare i brani scaricati con TinyTunes recandoti nella scheda Libreria dell’applicazione oppure aprendo la cartella Home/TinyTunes/Songs del tuo smartphone o tablet.

Qualora TinyTunes non dovesse soddisfarti, puoi provare l’applicazione gratuita Fildo, che funziona in maniera molto simile.

Google Play Music

IMMAGINE QUI 3

Se non sei proprio alle primissime armi con il mondo Android, saprai sicuramente che sul Google Play Store non si possono scaricare solo app, ma anche film, libri, giornali e musica.

Nel catalogo musicale del servizio – forse non tutti lo sanno – ogni tanto vengono inseriti anche dei brani gratuiti che si possono ascoltare in streaming o scaricare in locale tramite la app Google Play Musica (che dovrebbe essere già installata sul tuo telefono).
Purtroppo, il numero delle canzoni scaricabili gratuitamente non è mai altissimo e la loro disponibilità è limitata nel tempo.
Questo significa che da un giorno all’altro la promozione può scadere e per qualche settimana i contenuti gratuiti possono addirittura sparire da Google Play.

Per visualizzare la lista dei brani free disponibili sullo store di “big G” (quando disponibili), avvia la app di Google Play, seleziona la scheda Film, Musica, Libri, premi sul bottone Musica che si trova in alto a destra e premi il tasto Altro collocato accanto alla dicitura Musica gratis. Per scaricare una canzone o, quando capita, un album gratuitamente dal Play Store, selezionalo e premi prima sul pulsante Gratis e poi su Acquista e Ascolta.
Ne verrà avviata direttamente la riproduzione.

Per scaricare un brano in locale, seleziona la sua copertina (in basso a sinistra) e premi sul pulsante menu (l’icona con i tre puntini) in alto a destra.
Dopodiché seleziona la voce Vai all’album dal riquadro che compare e premi sull’icona della nuvola collocata accanto al titolo della canzone per avviarne il download.

Se effettui la sottoscrizione al servizio Google Play Musica (gratis per i primi 30 giorni e poi 9,99 euro al mese), puoi ascoltare milioni di brani direttamente online e scaricarli in locale sfruttando l’apposita opzione messa a disposizione dalla app.

Per scaricare i brani offline con Google Play Musica, devi organizzarli in playlist o devi prelevare gli album che li contengono.
Per aggiungere un brano a una playlist o alla tua raccolta di brani, premi sul pulsante (…) collocato accanto al suo titolo e seleziona una delle opzioni disponibili nel menu che si apre. Dopodiché premi sul pulsante  che si trova in alto a sinistra, seleziona la voce Raccolta di musica dalla barra che compare di lato, scegli l’album o la playlist da scaricare offline e fai “tap” sull’icona della freccia verso il basso.

Per scaricare un intero album o una playlist già esistente, devi semplicemente cercarli in Google Play Musica e premere sull’icona della freccia verso il basso che si trova nella pagina ad essi dedicata.

YouTube Music

IMMAGINE QUI 4

YouTube Music è un altro servizio di streaming musicale offerto da Google.
Si distingue da Google Play Musica per il fatto che dà accesso all’intero catalogo musicale di YouTube, compresi i video non ufficiali e i mix postati dagli utenti.
È gratis di base, ma per sfruttare funzioni come la riproduzione in modalità solo audio, l’ascolto in background e il download delle canzoni offline occorre sottoscrivere un abbonamento.

L’abbonamento costa 9,99 euro/mese (o 14,99 euro/mese per il piano famiglia, utilizzabile da 6 persone) dopo 3 mesi di prova gratuita.
Per effettuare il download dei brani, bisogna avviare l’app del servizio (per Android o iOS), premere sul pulsante ⋮ collocato accanto al titolo di questi ultimi e selezionare la voce Scarica dal menu che si apre. Maggiori info sono disponibili nel mio tutorial dedicato al servizio.

Zedge

IMMAGINE QUI 5

Se vuoi scaricare delle canzoni per trasformarle in suonerie, non perdere tempo e rivolgiti direttamente a Zedge, una famosissima app che permette di scaricare suonerie già pronte all’uso, sfondi e suoni di notifica per i cellulari Android a costo zero.
Utilizzarla è un davvero un gioco da ragazzi.

Tutto quello che devi fare è premere pulsante  collocata in alto a sinistra e selezionare la voce Ringtones dalla barra che compare sulla sinistra per visualizzare la lista delle suonerie disponibili. Le suonerie possono essere “sfogliate” in base a vari criteri:
selezionando la scheda Popular puoi visualizzare quelle più scaricate dagli utenti di Zedge, andando su Featured puoi scoprire quelle consigliate dalla redazione, in Recent ci sono le suonerie più nuove, mentre in Categories trovi l’elenco dei generi musicali e delle categorie a cui appartengono le varie suonerie disponibili nell’applicazione.

Quando trovi una suoneria che ti potrebbe piacere, premi sul pulsante Play per ascoltarne un’anteprima e, se vuoi scaricarla, procedi al download premendo prima sul suo titolo e poi sull’icona della freccia verso il basso presente nella schermata che si apre.

Al termine del download puoi impostare il brano scaricato come suoneria sul tuo telefono premendo sulla vice Ringtone che compare al centro dello schermo.
In alternativa, puoi impostare il brano come suoneria specifica per un contatto selezionando la voce Contact, come suono di notifica (Notification) o come sveglia (Alarm).

Jamendo Music

IMMAGINE QUI 6

Sei allergico alle hit radiofoniche?
Ti piace andare a scovare artisti e band emergenti?
Allora devi assolutamente installare la app di Jamendo Music, uno dei siti più famosi al mondo per quel che concerne la musica indipendente, il quale permette di scaricare gratuitamente brani musicali e album di tutti i generi.
Include anche contenuti distribuiti sotto licenza Creative Commons che si possono riutilizzare gratuitamente in progetti personali (che quindi non hanno fini commerciali).

L’applicazione di Jamendo ha una struttura molto semplice. Pigiando sull’icona della lente d’ingrandimento collocata in alto a destra puoi cercare un brano in base al suo titolo o al suo autore oppure puoi “sfogliare” i contenuti del servizio in base alle community, i canali radio o le classifiche, tutti rigorosamente suddivisi per generi musicali.

Per scaricare musica gratis Android con Jamendo basta premere prima sulla freccia collocata di fronte al titolo di un brano e poi sulla voce Download gratuito per usi personali qualità MP3.
I brani vengono archiviati direttamente nella cartella Download di Android.

Spotify

IMMAGINE QUI 7

Se sei iscritto a Spotify e hai deciso di abbonarti al piano Premium del servizio (quello che normalmente costa 9,99 euro/mese), puoi scaricare le tue playlist gratis sul telefonino e ascoltarle quando sei offline.

In che modo?
È più semplice a farsi che a dirsi.
Dopo aver avviato l’applicazione di Spotify, cerca un album o una playlist di tuo interesse e sposta su ON la levetta relativa all’opzione Download.
In alternativa, se vuoi scaricare singoli brani, aggiungili alla tua libreria musicale (premendo sul pulsante (…) collocato accanto al loro titolo e poi recati nel menu La tua libreria > Brani e sposta su ON la levetta relativa all’opzione Download.

Per istruzioni più dettagliate, consulta il mio tutorial su come funziona Spotify in cui ti ho illustrato con dovizia di particolari il funzionamento dell’applicazione sia in ambito desktop che in ambito mobile.

Amazon Music

IMMAGINE QUI 8

Se sei un abbonato al servizio Prime di Amazon, ti consiglio vivamente di provare Amazon Music, il servizio di streaming musicale di Amazon che permette di accedere gratuitamente a un catalogo composto da 2 milioni di brani, con la possibilità di scaricare le canzoni offline e accedere a playlist e radio personalizzate.
L’unico grande limite consiste nel fatto che si possono effettuare al massimo 40 ore di ascolto mensile.
Superato questo limite, occorre aspettare il mese successivo per far azzerare il contatore delle ore o, in alternativa, bisogna sottoscrivere un abbonamento al servizio Amazon Music Unlimited che per 9,99 euro/mese o 99 euro/anno permette di accedere a un catalogo più vasto, composto da 50 milioni di brani, senza limiti d’ascolto mensili.

Per scaricare un brano su Amazon Music, non devi far altro che avviare l’app ufficiale del servizio, effettuare l’accesso al tuo account Amazon e individuare il contenuto di tuo interesse.
A questo punto, fai tap sul pulsante ⋮ collocato accanto al titolo di quest’ultimo e seleziona la voce Scarica dal menu che si apre.
Il brano verrà salvato nella sezione Recenti di Amazon Music, più precisamente nella cartella Scaricati.

Per saperne di più e scoprire in dettaglio come funziona Amazon Music Unlimited, consulta il tutorial che ho dedicato al servizio.

Attento alle app che scarichi!

Quelle che ti ho appena consigliato sono applicazioni sicure facenti capo a servizi online o siti Web affidabili.
Fai attenzione, però.
Nel Play Store sono ospitate diverse app per scaricare musica gratis su Android che possono rivelarsi “moleste”, ossia piene di pubblicità invasive, o in rari casi addirittura malevole.

Prima di andare all’avventura e scaricarne una, verifica che lo sviluppatore sia affidabile (facendo una ricerca su Google o leggendo i commenti sul Play Store) e consulta i dettagli autorizzazioni dell’applicazione (premendo sull’apposita voce in fondo alla pagina del Play Store).
Un semplice downloader di canzoni non ha motivo di modificare le impostazioni di sistema, tanto per fare un esempio.
Tieni gli occhi aperti!

come cambiare suoneria su Android

come cambiare suoneria su Android

scritto da Il Mago del Computer

In questo tutorial vedremo come cambiare suoneria su Android, per togliere le suonerie predefinite del tuo smartphone Android, che trovi già installate quando lo acquisti e per usare come suoneria brani mp3 che ti piacciono di più.

Non andremo a cancellare le suonerie esistenti, ma andremo ad impostare un brano che preferisci, come suoneria del tuo smartphone Android.

Vediamo insieme tutti i passaggi per cambiare suoneria su smartphone Android, sia direttamente dalle Impostazioni di Android che tramite app aggiuntive da scaricare da Play Store.

 

come cambiare suoneria su Android da Impostazioni

E’ possibile cambiare suoneria sul proprio smartphone Android direttamente dalle Impostazioni di Android senza dover ricorrere ad altre applicazioni da scaricare, sebbene ce ne siano di ottime su Play Store, per poter ritagliare brani mp3 ed impostarli poi come suoneria.

Se vuoi cambiare suoneria senza scaricare app aggiuntive:

  • vai nel menù delle Impostazioni (l’icona dell’ingranaggio)
  • seleziona la voce Audio e notifiche dalla schermata che si apre
  • premi sull’icona dell’ingranaggio accanto alla voce Generali
  • seleziona l’opzione Suoneria telefono
  • scegli di completare l’operazione con Media Storage (solo una volta).

In questo modo ti verrà mostrata la lista completa delle suonerie disponibili sullo smartphone e potrai scegliere quella che più ti piace.

come cambiare suoneria su Android con app ES Gestore File

Se invece decidi di installare delle app per poter cambiare suoneria su Android, ti consiglio l’applicazione file manager gratuito ES Gestore File

  • apri l’app Google Play Store dalla schermata principale del tuo smartphone Android
  • scrivi ES Gestore File nella barra di ricerca in alto nella schermata di Play Store
  • una volta trovata l’app premi il pulsante verde per scaricarla
  • una volta terminato il download premi il pulsante Apri per lanciare l’esecuzione dell’app

Una volta installata l’applicazione, l’app ti chiede il consenso per accedere a file e cartelle contenute nel tuo smartphone

  • premi Accetto per consentire all’app ES Gestore File di leggere il contenuto del tuo smartphone

 

All’interno dell’app puoi scegliere il brano che vuoi impostare come suoneria dal menu Suoneria telefono (potrai navigare liberamente nelle cartelle del dispositivo e selezionare così il brano da usare come suoneria).

 

 

Come impostare brani MP3 come suoneria su Android

Come impostare brani MP3 come suoneria su Android

scritto da Il Mago del Computer

In questo tutorial ti mostrerò come impostare brani MP3 come suoneria su Android, per poter usare qualsiasi brano MP3 come suoneria sul tuo smartphone Android.
In questo modo potrai avere sul tuo smartphone i tuoi brani preferiti come suoneria.
Puoi anche ritagliare solo il ritornello o solo la strofa di una brano mp3 o di una canzone mp3 che ti piace per usarla come suoneria tuo Android.
Ti sarà sicuramente capitato di scaricare delle canzoni in formato MP3 da Internet, dalle quali però vorresti estrapolare solo alcune parti per trasformarle in suoneria sul tuo smartphone Android.
Se non sai come riuscirci, sappi che ho io la soluzione!

Al contrario di iPhone, che ha molte restrizioni riguardo la personalizzazione del sistema operativo, Android è ampiamente configurabile, e cambiare la sua suoneria con una canzone scaricata da Internet è una delle cose più semplici che si possano fare.
In questa guida di oggi vedremo insieme tutti i passaggi per impostare una canzone o più in generale un file audio MP3 come suoneria.
Il file audio può essere benissimo un file creato da te, registrato da te tramite il microfono dello smartphone o del computer, oppure magari creato con un programma di editing audio.
La procedura per impostare MP3 come suoneria Android prende davvero poco tempo e pochi passaggi.

In un attimo potrai utilizzare qualsiasi brano musicale scaricato da Internet (o importato dal tuo PC), ritagliarlo come preferisci e impostarlo come suoneria sul tuo smartphone Android.

Puoi anche impostare i brani ritagliati come suonerie per singoli contatti o come suono per sveglie personalizzate.
Per saperne di più non ti rimane che continuare a leggere, ti spiegherò nel dettaglio come ritagliare brani mp3 e trasformarli in suonerie.

 

 

Come scaricare MP3 su Android

Prima di spiegarti come impostare MP3 come suoneria Android è necessario che tu abbia dei brani in formato MP3 salvati sullo smartphone o sulla scheda di memoria microSD del tuo smartphone, se la utilizzi (e se hai un telefono che supporta l’espansione della memoria).

Quindi per prima cosa vediamo come scaricare MP3 su Android.

I metodi sono sostanzialmente due:

  • Installare un’applicazione per scaricare gli MP3 su Android. 

Un’app che ti consiglio è TinyTunes (un vero e proprio motore di ricerca che permette di scaricare canzoni da vari siti e servizi di hosting), ma ce ne sono anche molte altre.

Per approfondire l’argomento e trovare la app più adatta ai tuoi gusti, ti consiglio di leggere il mio tutorial su come scaricare musica gratis su Android.

 

  • scaricare gli MP3 sul computer e poi importarli sullo smartphone

Se hai delle canzoni o brani MP3 già scaricate sul PC e vuoi copiarle sul tuo smartphone:

– collega i due dispositivi tramite cavo USB

– apri Esplora File di Windows (o l’app Android File Transfer su Mac)

– copia i file MP3 che ti interessano in una delle cartelle del dispositivo Android (io ti consiglio quella dei Download).

Problemi a collegare il tuo smartphone Android al computer ?
Se dovessi avere problemi durante la procedura di collegamento dello smartphone al PC, puoi andare a leggere i suggerimenti scritti nei seguenti tutorials:
come collegare Android al PC 
oppure se hai un Mac:
come collegare Android al Mac

 

Nota:
scaricare abusivamente da Internet della musica protetta da copyright e condividerla è reato.
Questo tutorial è stato scritto a puro scopo illustrativo e l’autore non si assume alcuna responsabilit
à riguardo l’uso che verrà fatto delle informazioni presenti in esso.

 

App RingTone Maker – app per creare suonerie su Android


A questo punto, ora che hai scaricato il file MP3 da usare come base per la tua suoneria, puoi iniziare a ritagliarlo per trasformarlo in una suoneria perfetta per il tuo smartphone.

Ci sono molte app per modificare gli MP3 su Android e trasformarli in suonerie.

Io ti consiglio l’applicazione Ringtone Maker di Big Bang Inc.  che puoi scaricare direttamente dal Google Play Store cliccando sul link qui sotto.

LINK PER SCARICARE APP RingTone Maker DA PLAY STORE

Per scaricare l’app da Play Store ovviamente devi avere un account Google creato ed attivo sul tuo smartphone Android.

Se non hai ancora un account Google e vuoi crearne uno, leggi il tutorial su come creare un account Google qui:

come creare un account Google su Android
come creare un account Google da computer

 

Ora che hai un account Google attivo sul tuo smartphone Android, vediamo come scaricare Ringtone Maker da Play Store sul tuo smartphone e utilizzarlo per creare suonerie:

  • apri Google Play Store (l’icona del sacchetto della spesa con il simbolo ▶︎ al centro)
  • cerca Ringtone Maker nella barra di ricerca in alto e installa la app premendo sul suo nome
  • premi Installa 
  • infine premi Accetto
  • terminato il download, premi il pulsante Apri per avviare l’esecuzione dell’app
    (che vedi in figura seguente)

 

  • attendi qualche secondo affinché venga effettuata la ricerca di tutti i brani salvati sul tuo smartphone

come scegliere un file da trasformare in suoneria con l’app RingTone Maker

All’avvio dell’app, l’applicazione effettua una scansione della memoria del telefono per creare un elenco dei brani MP3 presenti sul cellulare, e poterli poi proporre come file da impostare come suoneria.
RingTone Maker più che altro è stata progettata per poter tagliare porzioni di brano, ossia puoi ritagliare il ritornello o una strofa di una canzone, e togliere il resto che non ti occorre.

Dopo questa scansione ti troverai una lista di brani trovati, elencati in una tabella

Dalla stessa applicazione puoi impostare come suoneria prefefinita il brano scelto

  • seleziona il file MP3 che vuoi trasformare in suoneria premendo sul pulsante (…) accanto al suo titolo
    Ti apparirà il seguente menu con le seguenti opzioni:

Per impostare il brano intero come suoneria:

  • seleziona la voce Imposta come suoneria predefinita dal menu

Per ritagliare una porzione del brano e poi impostarla come suoneria successivamente:

  • seleziona la voce Modifica dal menu

Apparirà la seguente schermata dove vedi la forma d’onda sonora del brano scelto.

A questo punto puoi procedere a tagliare la canzone e trasformarla in suoneria.
Da questa schermata tramite i due selettori grigi puoi selezionare la parte di brano da trasformare in suoneria.

  • usa i due indicatori grigi ai lati del grafico per marcare i punti di inizio e fine della porzione di brano che vuoi conservare
  • premi Play per ascoltare un’anteprima della selezione.

 

Per rendere più precisa la scelta del pezzo di canzone da tenere, puoi aumentare il livello di zoom del grafico:

  • usa l’icona della lente d’ingrandimento in basso a destra

oppure

  • digita manualmente i tempi di inizio e fine della selezione negli appositi campi di testo.

Per ottenere risultati ottimali, ti consiglio di creare suonerie massimo di 30-40 secondi.

Una volta che sarai soddisfatto puoi procedere a salvare la nuova suoneria creata:


come salvare la porzione di brano MP3

Ora che hai ritagliato il brano, per salvarlo e renderlo un file audio indipendente dal file audio intero:

  • premi sull’icona del floppy disk in alto a destra
    (apparirà una finestrella come la seguente)
  • assicurati che nel menù a tendina Tipo sia selezionata l’opzione Suoneria
  • digita il nome che vuoi dare alla tua nuova suoneria nel riquadro che compare
  • premi il bottone Salva per salvare la tua nuova suoneria personalizzata.

 

Come ricercare brani MP3 nella memoria del tuo smartphone Android

Se non trovi il brano che ti interessa nella schermata iniziale dell’ app:

  • premi sul pulsante  in alto a sinistra
  • premi per due volte sull’opzione Scan per fare una nuova scansione della memoria dello smartphone.

 

In alternativa:

  • premi sul pulsante 
  • seleziona la voce Sfoglia dal menù che compare
  • seleziona la cartella nella quale hai salvato il brano
  • tocca l’icona di quest’ultimo per importarlo in Ringtone Maker.

 

Come impostare il brano ritagliato come suoneria

Ora che hai ritagliato e salvato la porzione di file audio che ti interessa, puoi scegliere se impostare la suoneria come predefinita per tutte le chiamate

oppure

o se assegnarla a un contatto in particolare. (in pratica solo quando chiamerà quella persona sentirai quella precisa suoneria)

 

Come impostare il brano MP3 ritagliato come sveglia

Se invece non vuoi creare una suoneria per le chiamate ma un suono per le notifiche o per la sveglia, nessun problema!

Ti basterà:

  • creare suoni di breve durata in Ringtone Maker (seguendo il procedimento sopra descritto)
  • premere l’icona del floppy disk per salvare il brano
  • dal riquadro che si apre selezionare Notifica o Allarme usando il menù a tendina in alto a sinistra. (figura qui sotto)

 

Nota:
impostando una suoneria come predefinita, Ringtone Maker potrebbe chiederti delle autorizzazioni speciali per terminare l’operazione.

Dovrai semplicemente spostare su ON l’interruttore relativo all’opzione Consenti modifica impostazioni di sistema nella schermata che si apre.